Indice - Index

TRICHOLOMA SCALPTURATUM (Fries) Qulet
Nome corrente: Tricholoma scalpturatum (Fr.) Qul.

Il Tricholoma scalpturatum cresce generalmente nei boschi di conifere e aghifoglie e nelle radure in estate-autunno. Il cappello, 3-6 cm, convesso, campanulato, presto appianato, anche depresso in vecchiaia, con un largo umbone ottuso, cuticola fibrillosa, decorata da piccole squame concentriche di colore beige-grigio chiaro o grigio-rossastre, su fondo beige, pi fitte al centro; il margine prima involuto poi disteso. Le lamelle sono decorrenti con dentino, poco fitte, bianche con tendenza al giallo negli esemplari maturi a cominciare dal filo o allo sfregamento, poi completamente gialle. Il gambo, 3-7 cm di altezza, cilindrico, slanciato, attenuato alla base, concolore al cappello o pi chiaro, con l'apice feltrato negli esemplari giovani. La carne bianca, grigia sotto la cuticola, con odore di farina fresca al taglio.

Il Tricholoma scalpturatum commestibile; affine al pi noto T. terreum se ne distingue per l'ingiallimento e l'odore di farina, assenti in quest'ultimo. confondibile col Tricholoma pardinum, velenoso, che possiede per lamelle bianche glauche, il gambo massiccio, clavato, il cappello carnoso, raramente appianato, con cuticola decorata da squame trapezoidali e screpolata.

Osservazioni sulle raccolte fotografate
Tutte le raccolte sono state determinate macroscopicamente: l'odore di farina e l'ingiallimento delle lamelle rendono la specie facilmente riconoscibile.

Tricholoma scalpturatum foto 2
Foto 2 [IMG5686] - Canon EOS 7D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 13.XII.2017

Copyright 2017 Salvatore Saitta


Tricholoma scalpturatum foto 2b
Foto 2b [IMG5693, raccolta 5686 - ingiallimento dopo 3 giorni e manipolazione] - Canon EOS 7D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 13.XII.2017

Copyright 2017 Salvatore Saitta


Tricholoma scalpturatum foto 1
Foto 1 [IMG4265] - Canon EOS 7D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 01.XII.2016

Copyright 2016 Salvatore Saitta