Indice - Index

LACTARIUS SANGUIFLUUS (Paulet: Fr.) Fr.
Nome corrente: Lactarius sanguifluus (Paulet.: Fr.) Fr.

Il Lactarius sanguifluus un fungo comune, rinvenibile sotto conifere, specialmente pini, in terreno calcareo, in estate-autunno fino agli inizi dell'inverno. Il cappello, 4-10 (15) cm, carnoso, inizialmente convesso con il centro depresso, infine anche imbutiforme, con la cuticola pi o meno zonata, liscia e asciutta ma viscida con il tempo umido, di colore arancio incarnato, ocraceo pallido o rossastro pallido, macchiato di verde e col margine involuto. La lamelle sono fitte, sottili, decorrenti, annesso-arcuate, spesso biforcate, di colore ocra pallido poi arancio-rosate, incarnate, vinoso-ametistine, leggermente macchiate di verde. Il gambo, alto 4-6 cm, pieno poi cavo, cilindrico, corto, duro, spesso attenuato in basso, di colore rosso arancio, incarnato-vinato, talvolta con fossettine (scrobicoli) rosse, pi scure. La carne arancio pallido, macchiata alla periferia di rosso-sangue, con odore fruttato e sapore dolce. Lattice poco abbondante di colore immediatamente rosso scuro-vinoso. Le spore sono ellissoidali, crestate e reticolate, 7-9 x 6-7 micron (foto); i cheilocistidi sono fusiformi, assottigliati all'apice (foto); i pleurocistidi sono simili ma pi lunghi e larghi (foto).

Il Lactarius sanguifluus un ottimo commestibile, tra i migliori del gruppo insieme al L. deliciosus; di facile determinazione per l'habitat di crescita e il colore del lattice subito rosso-vinoso. La var. violaceus viene data come crescente in zona mediterranea, termofila, ha un colore rossastro-violaceo, specialmente nelle lamelle, e il gambo spesso ricoperto da una pruina biancastra. Lactarius semisanguifluus cresce pure sotto pini, ma ha un inverdimento pi marcato anche in tutto il carpoforo e un latice inizialmente aranciato e solo dopo qualche minuto rosso-vinoso.

Osservazioni sulle raccolte fotografate
Tutte le raccolte sono state determinate macroscopicamente; tutte le foto si riferiscono a Lactarius sanguifluus var. violaceus (Barla) Basso = Lactarius vinosus (Qul.) Bataille, ma personalmente ritengo che le differenze siano spesso discutibili.

Lactarius sanguifluus foto 8
Foto 8 [IMG4331] - Canon EOS 7D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 17.XII.2016

Copyright 2016 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 7
Foto 7 [IMG4308] - Canon EOS 7D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P7-P8], 09.XII.2016

Copyright 2016 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 6
Foto 6 [IMG3251] - Canon EOS 7D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P7-P8], 10.XII.2014

Copyright 2014 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 5
Foto 5 [IMG7832] - Canon EOS 350D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 02.XII.2008

Copyright 2008 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 4
Foto 4 [IMG5538] - Canon EOS 350D, ob. EF-S 60mm f/2.8 Macro USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 14.XII.2007

Copyright 2007 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 3
Foto 3 [IMG3714] - Canon EOS 350D, ob. EF 17-40mm L USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 23.XII.2006

Copyright 2006 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 2
Foto 2 [IMG3684] - Canon EOS 350D, ob. EF 17-40mm L USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 12.XII.2006

Copyright 2006 Salvatore Saitta


Lactarius sanguifluus foto 1
Foto 1 [IMG3685]] - Canon EOS 350D, ob. EF 17-40mm L USM
Monti Peloritani, 350m [P8], 12.XII.2006

Copyright 2006 Salvatore Saitta